CLUBHOUSE: spopola il nuovo social vocale

Clubhouse è il nome di una start up americana nata nel 2020, i cui fondatori sono Paul Davison e Rohan Seth. A dicembre 2020, è stato valutato quasi $ 100 milioni, mentre Il 21 gennaio 2021, la valutazione ha raggiunto il miliardo di dollari.

Inizialmente sembrava un social meteora ma adesso sta esplodendo come un vero fenomeno di marketing.

L’abbiamo provata per voi e vi diamo subito qualche dritta!

Si tratta di un App disponibile al momento solo su Appstore al momento e non su Android basato solo sull’audio e si entra solo su invito, infatti non si possono scrivere testi, inserire foto o condividere file ma si può solamente conversare con gli utenti che ne fanno parte.

L’interazione con gli altri “amici” avviene sono attraverso dei veri e propri “talk show” in diretta, dove c’è un palco virtuale e una platea di persone a cui rivolgersi, realmente interessate agli argomenti.

Tutto avviene “live” e tutto viene “autodistrutto” alla fine di ogni conversazione, non vi è la possibilità di salvare l’audio. 

Tutto in diretta in una “room” con un tema stabilito nel titolo della room e i partecipanti che alzano la mano per prendere la parola come in una vera stanza.

 Si vive uno degli aspetti più affascinanti della conversazione: immergersi nel mistero della voce; la comunicazione vocale assume un ruolo primario. 

Come funziona dunque questa nuova App?

Nella home c’è una lista di stanze disponibili, basta fare “tamp” e si entra nel vivo della stanza. 

Gentilezza, educazione, positività e voglia di fare networking e incontrare nuovi interlocutori di business sono i valori portanti di Clubhouse.

Ma vediamo cosa succede nella room di Clubhouse come se fosse una location di un vero evento reale.

Nella room tematica di CH ci sono i moderatori, ci sono le persone invitate sul palco che hanno il diritto di prendere la parola e c’è il pubblico che può solo ascoltare o, al limite, alzare la mano per salire a sua volta sul palco per dire la propria. 

Se vogliamo partecipare alla discussione basterà alzare una manina e uno dei moderatori (asterisco verde) ci fa spostare

Si può entrare in una stanza, essere riconosciuto da qualcuno degli speaker o dei moderatori e chiamato a salire sul palco. Oppure ci si può appassionare all’argomento dopo alcuni minuti e provare a chiedere la parola.

Anche se al momento è limitata a pochi utenti, la nuova APP potrebbe essere la nuova frontiera del marketing e della comunicazione per molte aziende, che già stanno studiando il fenomeno e sperimentando la loro presenza attraverso i loro rappresentanti.

Assomiglia come ad una tavolata di persone dove ognuno ha la possibilità di esprimersi, ci si confronta e si ascoltano le opinioni e le idee altrui.

Oggi il nuovo social potrebbe creare nuove dinamiche e ridisegnare gli scenari della pubblicità online.

La crescita è organica al 100 % bisogna essere presenti, dialogare e aprire room.

Brian Solis, Global Innovation Evangelist di Salesforce, risponde con un interessante quesito: “Se potessi collegarti a una conversazione dal vivo su un argomento che ti appassiona da qualsiasi parte del mondo e avere l’opportunità non solo di ascoltare alcune delle persone più preparate sull’argomento, ma anche di confrontarti con loro, lo faresti?”. Ecco, questa è la chance offerta da Clubhouse.

In un momento in cui gli eventi dal vivo vengono posticipati, cancellati o virtualizzati, Clubhouse ha fatto ciò che altre reti o eventi virtuali non sono riuscite a realizzare.

Ha unito gruppi di persone brillanti e con una mentalità aperta e gli ha dato lo spazio per confrontarsi sulle ultime tendenze economiche e sociali.